SPORT: IL TUO ANTI-STRESS NATURALE

folder_openBenessere
commentNessun commento

Stress, ansia, sbalzi d’umore, stanchezza psico-fisica. Sono termini che conosciamo bene, e che spesso finiscono in un unico, grande calderone. Ognuno di noi sperimenta ogni giorno la gestione della propria emotività, a volte in maniera sbagliata e controproducente. Perché si fa presto a parlare di stress ed esaurimento, ma la realtà è che spesso l’utilizzo che facciamo di certe parole è improprio e inconsapevole. Così, di fronte alle sfide quotidiane, le nostre scelte rischiano di non essere affatto funzionali. Oggi vogliamo osservare questo scenario da un’ottica piùscientifica ed insegnarti a combattere lo stress attraverso l’attività fisica. Avevamo già accennato ai numerosi benefici apportati dallo sport in termini di salute, tra cui quelli legati alla sfera psicologica. Cerchiamo di andare più a fondo!

Il primo errore è quello di guardare al termine “stress” in senso meramente negativo. Lo stress è infatti, molto più genericamente, un insieme di reazioni che il nostro corpo e il nostro cervello oppongono a qualsiasi tipo di tensione/trauma. Una sorta di sistema di adattamento a fronte di alterazioni fisiologiche derivate da una situazione specifica. Ed è qui chepuò essere canalizzato positivamente in quello che viene definito “eustress”, o negativamente degenerando in “dis-stress”: il corpo viene sottoposto ad un’alterazione, reagisce resistendo, e finisce per adattarsi o per esaurirsi in base alla produttività o meno della resistenza che si oppone alla situazione di difficoltà. E se è vero che oggi gran parte delle lotte si svolge più a livello mentale e psicologico che non fisico, la tensione muscolare derivante dallo stress, se non adeguatamente scaricata, permane nel nostro organismo provocando indolenzimento, contratture, irrigidimento e danni alla salute.

Praticare sport è il rimedio naturale più efficace per liberare il corpo dal peso di stress e sensazioni negative! Il rilascio di endorfine e di antidepressivi naturali, quali la serotonina e la dopamina, derivante dall’esercizio fisico riduce il livello di stresse lo rende più facile da gestire, assicura un maggior rilassamento, ostacola i sintomi della depressione, abbassa la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca riducendo il rischio di ansie e sensazioni di panico. Niente di meno, diversi studi scientifici rivelano che praticare attività fisica regolarmente incrementa il livello di autostima e di entusiasmo verso la vita, e – in particolare quando trattasi di attività aerobica – aumenta il flusso di ossigeno al cervello rallentando la perdita di cellule cerebrali, con conseguente miglioramento dell’attività cognitiva (maggior focus, capacità di pianificazione e di pensiero, riduzione del rischio di declino mentale). In altre parole, lo sport ha risvolti positivi in termini di immunostimulazione: il movimento del corpo favorisce il movimento del pensiero, rigenerando l’organismo nel suo complesso. Come sempre, però, attenzione alla gestione della propria attività: per ascoltare il corpo, bisogna prima ascoltare la mente, motivo per cui il tentativo di scaricarsi troppo violentemente o troppo rapidamente si rivela spesso fallimentare e illusorio. Ecco qualche consiglio utile!

Iniziamo dai must do . Prediligi un’attività fisica all’aria aperta, possibilmente in spazi verdi per evitare luoghi troppo affollati o inquinati. Oltre all’attività aerobica e cardio, dedica sempre il giusto tempo a stretching e tecniche di rilassamento, che si tratti di yoga, pura meditazione o semplici esercizi di contatto con il terreno per essere maggiormente a contatto con te stesso. Cerca di alternare allenamenti individuali e solitari ad allenamenti in compagnia, per confrontarti costruttivamente con chi condivide la tua passione. Varia esercizi e percorsi: la monotonia annoia, la noia stressa, e la nostra mente ha bisogno di cambiare per aprirsi al mondo. Scegli un’attività di tuo gradimento, che pratichi volentieri e ti dia soddisfazione; quando l’interesse è veicolato dal piacere, qualsiasi compito si svolge con costanza ed impegno maggiori rispetto ad attività che non suscitano entusiasmo. Rispettati sempre: la frequenza e l’intensità ideali dell’allenamento devono sempre essere determinate dal tempo che hai a disposizione, dal tuo livello di resistenza, dalle tue capacità e possibilità. Fai in modo che l’anti-stress passi anche per la tavola: coniugando movimento ed alimentazione corretta, il tuo livello di soddisfazione personale aumenterà con risvolti positivi sul benessere psicologico nel suo complesso.

Cosa, invece, non fare? Tassativamente vietate pratiche eccessivamente faticose ed intense, così come obiettivi non tagliati per te stesso: non porti mete troppo lontane, o ti auto-esporrai al rischio di delusioni e frustrazioni del tutto inutili e controproducenti. No anche alla competizione malsana: gli allenamenti vissuti come fossero una continua gara con qualcun’altro non faranno che aumentare la sensazione di ansia, stress e iperattività. Quanto all’atteggiamento di sfida personale, limitati alla soddisfazione e alla voglia di fare sempre meglio, ma evita di cadere nella pretesa e nel sovraccarico psicologico.

La nostra reale forza è sempre radicata prima nella mente: ascoltala, aiutala a scaricarsi attraverso il tuo corpo e canalizza energia positiva!

Tags: ,

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu