Crêpe di grano saraceno con radicchio, uova e noci

folder_openAlimentazione
commentNessun commento

Casa-lavoro/università, lavoro/università-attività fisica, attività fisica-casa. Tipici ritmi frenetici di un autunno ormai a cavallo con l’inverno. Al tanto atteso rientro, un po’ di meritato relax è l’unica priorità. Subito, però, l’ennesimo campanello d’allarme dellagiornata pronto a scattare, sonoro e petulante: la cena non si cucina da sola. La voglia manca mentre la fame incalza, le soluzioni scarseggiano: noiosissima insalatona o delivery? Secondo noi… nessuna delle due! Se da una parte il freddo implica un dispendio di energie troppo ingente per nutrirsi d’aria, dall’altra il cibo spazzatura, specie di sera, distrugge tutti i buoni propositi di una routine sportiva attiva e di un’alimentazione sana. Ma noi, sempre dallatua parte, abbiamo messo a punto una lunga lista di soluzioni pratiche e creative per ovviare a una lista di problemi altrettanto lunga. E una di quelle soluzioni è proprio la ricetta di questo giovedì!

Cena sana e nutriente, low-cost, pronta in poco tempo, adatta anche ai peggiori cuochi e ai celiaci . Ma soprattutto, un’idea nuova e diversa per ravvivare un po’ la tavola: oggi, un salto nella regione francese della Bretagna enelle sue più antiche radici culinarie. Mai sentito parlare di “galette bretonne”? Niente di fantascientifico. Una semplice, ma gustosissima, crêpe salata di grano saraceno – nonché più antico e frugale pasto bretone – versatilissima in quanto adatta alle più svariate farciture: formaggi, salumi, verdure, ortaggi, uova e chi più ne ha più ne metta. Ma nel pieno rispetto della tua linea,vogliamo proportela in versione healthy e 100% stagionale: un sano e ipocaloricoripieno di radicchio, arricchito da un uovo per integrare al pasto il giusto apporto proteico.

Perché il radicchio? Perché, oltre alla piacevole croccantezza e al peculiare gusto amarognolo,è alleato di intestino, sistema cardiovascolare, sistema nervoso e pelle.Alleato dell’intestino in quanto contenente un’elevata percentuale d’acqua, da cui derivano ottime proprietà depurative, e di fibre, essenziali per chisoffre di stitichezza e/o difficoltà digestive.Alleato del sistema cardiovascolare perché ricco di sali minerali, vitamine del gruppo B, vitamina C ed E, ma soprattutto perché le abbondanti fibre consentono di trattenere gli zuccheri presenti nel sangue riducendo il rischio di patologie del cuore e diabete di tipo 2. Alleato del sistema nervoso grazieall’elevata presenza di triptofano, idealecontro stress e insonnia. Ealleato della pelle in quanto ricco di antiossidanti, che aiutano a rallentare il processo di invecchiamento delle cellule. Al radicchio e all’uovo, perché no, abbiamo scelto di accompagnare anche una spolverata di noci tritate, che ben si sposano con il sapore pungente della nostra verdura e che apporteranno un valore aggiunto alla tua galette!

Ingredienti (per 8 galettes)

– 150 g farina di grano saraceno

– 250 ml di latte parzialmente scremato

– 2 uova medie (1 per l’impasto + 1 per il ripieno)

– 500 g radicchio trevigiano

– 1 spicchio d’aglio

– 1 cucchiaino zucchero di canna

– 60 g noci

– Sale e olio EVO q.b.

Procedimento

Per prima cosa occupati della pastella per le galettes: in una ciotola capiente, mescola la farina di grano saraceno con una presa di sale lasciando un buco al centro, versa quindi a filo il latte lavorando il tutto con una frusta a mano onde evitare la formazione di grumi. Aggiungi poi l’uovo e un cucchiaio d’olio finché tutti gli ingredienti non saranno ben amalgamati tra di loro, copri l’impasto con pellicola e lascia riposare per circa un’ora. Mentre la pastella è a riposo, pronto per il radicchio: lavalo accuratamente sotto acqua fredda, rimuovi le foglie esterne più dure e taglialo a listarelle. In una padella antiaderente, scalda un paio di cucchiai d’olio con lo spicchio d’aglio intero, lascia insaporire e rimuovi l’aglio, aggiungi il radicchio facendolo rosolare a fiamma alta per due minuti, quindi salalo in modo che rilasci la sua acqua e lascialo cuocere a fiamma media finché non sarà cotto (ci vorranno all’incirca 10 minuti) e termina la cottura aggiungendo lo zucchero di canna per smorzarne un po’ il sapore amaro. Inizia la preparazione della galette: spennella con un velo d’olio una padella pulita e, una volta calda, versa un mestolo di impasto facendolo roteare affinché si distribuisca uniformemente a creare uno strato sottile. Una volta rappreso da un lato, rigira l’impasto con una paletta e prosegui la cottura sull’altro lato. A questo punto, farcisci la crespella con il radicchio lasciando i bordi liberi e ripiegandoli verso l’interno per formare una sorta di cornice. Abbassa al minimo la fiamma, rompi un uovo al centro sopra al radicchio e prosegui la cottura finché l’albume si sarà rappreso ma il tuorlo ancora liquido. Spegni il fuoco, aggiungi eventualmente pepe nero a piacere e arricchisci con una manciata di noci tritate. Et voilà, les jeux sont faits!

Tags: , , , , , , , , ,

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu