Gratin d’indivia belga e topinambur con nocciole tostate

folder_openRicette
commentNessun commento

Mai sentito parlare di “giorni della merla”? La tradizioneassocia a questa locuzione i tre giorni più freddi dell’anno, che sarebbero, sempre secondo tradizione, il 29, il 30 e il 31 gennaio. Che dire, ce ne siamo accorti! Con questo giovedì, però, il festival del gelo al Polo Nord chiude i battenti e apre la strada della speranza a giornate meno rigide e più accoglienti. Nel dubbio, continuiamo a proteggerci dalle temperature insopportabili delle ultime 36 ore. E quando sciarpe, guanti e cappelli nonbastano a fare da scudo alla rigidità dell’interno, il cibo ci viene in soccorso con la giusta carica di vitamine e sali minerali!

La ricetta di quest’ultimo giovedì di gennaio è pensata per affidare al cibo proprio questa funzione di scudo protettivo, ma anche per rispondere alle esigenze dei più pigri che non intendono trascorrere la propria serata di relax dietro ai fornelli. Perché per sfornare un buon piatto caldo non occorrono perizia e tempo a disposizione. Un pizzico di amor proprio e gli ingredienti giusti saranno sufficienti.Parole chiave di oggi, salute, benessere, praticità, semplicità e gusto. Abbiamo detto “sfornare” perché amiamo i profumi inebrianti che un semplice forno è in grado di emanare, e perché la cottura al fornoalleggerisce le nostre preparazioni senza intaccarne il sapore. Oggi…“gratiniamo”!

Co-protagonistidi questo giovedì, due ingredientisani, leggeri e digeribili ma digran carattere, entrambi fonti di fibre, vitamine e sali minerali, nutrienti fondamentali specie in inverno. Parliamo di indivia belga, un ortaggiopressoché privo di calorie, ricco di acqua (è infatti un ottimo diuretico naturale), vitamina A, B e C, fibre solubili (indicate in caso di colon irritabile e stipsi), ferro, potassio e calcio, antiossidanti e acido folico; e di topinambur, un tubero altrettanto ipocalorico e ricco di acqua e fibre solubili che lo rendono un alimento estremamente digeribile e adatto a regolarizzare l’intestino, dalla potente azione probiotica e attivo-immunostimolante. Due sapori amarognoli di grande impatto che ben si sposano con il gusto rotondo e dolciastro delle nocciole, che conferiranno al nostro gratin light quel quid in più di cui non potremmo fare a meno!

Ingredienti (1 teglia rettangolare media)

– 600 g d’indivia belga

– 300 g di topinambur

– 4 cucchiai di parmigiano

– 4 cucchiai di pangrattato

– 1 manciata di nocciole tritate

– Olio, sale e pepe q.b.

Procedimento

Ti sembrerà impossibile, ma per tirare fuori questa chicca di benessere dal sapore esplosivo non dovrai fare granché. Il grosso lo faranno per te la stagionalità dei prodotti e il forno! Inizia preriscaldando il forno a 200 gradi in modalità ventilata e tritando le nocciole, che lascerai da parte e dovrai riprendere solo in fase finale. Occupati quindi dell’indivia: sciacquala sotto acqua corrente fredda, elimina eventuali foglie esterne rovinate e il torso (l’estremità inferiore più dura), tuffala in acqua bollente leggermente salata lasciando cuocere per circa 5 minuti, e scolala a dovere. Intanto, potrai occuparti della pulizia e del taglio dei topinambur: pelali con un pelapatate e affettali sottili, dello spessore di circa 3 mm. A questo punto, non ti resta che comporre il tuo gratin: olia il fondo della teglia e cospargilo con due cucchiai di pangrattato e due di parmigiano, e procedi creando i tuoi strati di belga e topinambur alternati, fino a esaurimento degli ingredienti. Cospargi quindi la superficie con una generosa macinata di pepe, un pizzico di sale, i restanti due cucchiai di parmigiano e pangrattato, un giro d’olio e la manciata di nocciole tritate. Cuoci in forno ventilato a 200 gradi per circa 20 min, o fino a doratura della crosticina. Il tuo gratin light e nutriente è pronto!

Tags: , , , ,

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu